Comme te vulesse


Questa è una poesia nata per caso, all’improvviso, mentre ero
sdraiato sul letto in un breve momento di riposo. Mentre stavo per
coricarmi mi è tornata in mente un’immagine: l’immagine di quando La
tenevo tra le mie braccia e la feci addormentare accarezzandole la
fronte pian piano e la vedevo addormentarsi serenamente. Da che stavo
sdraiato, mi sono subito alzato, ho preso un foglio di carta e vi ho
riversato sopra i versi che mi si stavano creando nella mente, per
paura di perderli. Ecco che n’è uscita fuori questa poesia. Il titolo
deriva dal desiderio che ormai mi perseguita da più di un anno di poter
rivivere quella scena. Come vorrei….
Non sarà la poesia
"All’amata" di William Shakespeare, ma è nata con la stessa passione e
con lo stesso sentimento che William Shakespeare, Dante Alighieri e
qualsiasi altro poeta hanno riversato nei loro versi. E’ questo per me
basta.

"Comme te vulesse"

Comme te vulesse dint’ ‘a sti braccia
Comme te vulesse, core mio
Te addurmesse accarezzannete ‘a faccia
mente t’astrignesse ‘mpietto a mme

Comme te vulesse vasà ‘a vocca
Comme te vulesse, core mio
sta vucchella ‘e zucchero e bellella
ca tutte ‘e guaje ‘a capa me faje svanì

Comme te vulesse dint’ ‘a stu core
Comme te vulesse, ammore mio
stu core senza ammore
ca chiagne e more senza ‘e te.


Salvatore Architravo, 02/10/2009

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in i miei pensieri. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...