si fosse n’auciello, dedicata a “te”

Questo periodo natalizio lo voglio "arricchire" con una delle poche ricchezze vere rimaste sulla Terra: la poesia. Voglio postare una poesia di un grande poeta e attore italiano, originario della mia BELLA Napoli: Totò. La poesia si intitola "Si fosse n’auciello" e la dedico a "te" (si me capisc’ è bbene, sinnò nun fa nient’, capirò solo io…). Per chi non dovesse capire il napoeltano, scrivo anche la traduzione.
 
Si fosse n’auciello
 
Si fosse n’auciello, ogne matina
vurria cantà ‘ncoppa ‘a fenesta toja:
"Bongiorno, ammore mio,bongiorno, ammore!".
E po’ vurria zumpà ‘ncoppa ‘e capille
e chiano chiano, comme a na carezza,
cu stu beccuccio accussi piccerillo,
mme te mangiasse ‘e vase a pezzechillo…
si fosse nu canario o nu cardillo.

 

(http://www.antoniodecurtis.com/poesia19f.htm)

 

Se io fossi un uccello

 

Se io fossi un uccello, ogni mattina

vorrei cantare sulla tua finestra

"Buongiorno, amore mio, buongiorno, amore!"

Poi vorrei saltarti sui capelli

e piano piano, come una carezza

con questo becco così piccolino

ti mangerei con piccoli baci…

se io fossi un canarino o un cardellino

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in i miei pensieri. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...